Corso Gratuito Web Marketing e Social Media Marketing

Fabinonet

Corso Gratuito Web Marketing e Social Media Marketing


Info e Prenotazioni : +39 0564 450662 – info@qmtt.net


Il corso sarà un valido inizio per implementare le competenze e le professionalità degli allievi, inoltre, sarà un valido punto di partenza per intraprendere una gestione innovativa imprenditoriale.

Il corso darà validi indirizzi per costruire una strategia di Social Media Manager e Seo, che rappresentano le azioni più ricercate dalle aziende specialmente in ambito turistico e agrituristico. Il Corso nella lezioni iniziali offrirà la possibilità di acquisire competenze sul SEO e gli strumenti di Google, saranno indagati gli aspetti della comunicazione aziendale quali lo studio del mercato, l’analisi del target, fino ad arrivare alla pianificazione di una digital strategy sul web e sui social network con azioni mirate, per una comunicazione efficace con il pubblico di riferimento.

Nella parte finale sarà organizzata una visita aziende per intraprendere le azioni di promozione per mezzo del Geocaching e le opportunità di valorizzazione del territorio e dei prodotti tipici di riferimento.

Quota di Iscrizione : 0.00 (Gratis)

Nr. Max allievi 15 : (priorità di adesione in base alla data di iscrizione)


DESTINATARI

Il corso di Web e Social Media Marketing, strutturato in 13 lezioni da 2 ore ciascuna, più una visita guidata con docenza da 6 ore per definire una strategia di promozione per mezzo del Geocaching. E’ rivolto ai titolari di PMI, responsabili del marketing e chiunque voglia lavorare nel campo del Digital Marketing per gestire efficacemente la comunicazione online e sui canali digitali.

Chi sono i soggetti abilitati a partecipare alle azioni formative del PSR (Corsi e Workshop) ?

In relazione alle tematiche trattate nelle attività formative di cui al presente bando, sono destinatari dell’attività di formazione i seguenti soggetti con sede legale e/o almeno una sede operativa/unità locale in Toscana, come risultante dal fascicolo aziendale o da visura camerale:

1. imprenditori agricoli, singoli e associati, iscritti al registro delle imprese, dotati di partita IVA;

2. titolari di imprese forestali, singoli e associati, iscritti al registro delle imprese e che abbiano una attività principale o secondaria con codice ATECO che inizi con A 02;

3. amministratori e dipendenti, anche con funzioni dirigenziali, di gestori del territorio, rappresentati da Comuni, Enti Parco ed enti gestori dei siti della Rete Natura 2000.

Per i soggetti di cui ai punti 1 e 2 possono partecipare all’attività formativa anche i lavoratori dipendenti ed i coadiuvanti familiari iscritti all’INPS, anche a tempo determinato.


OBIETTIVI

  • Utilizzare correttamente gli strumenti di web marketing e social advertising;
  • Ideare e pianificare una corretta digital strategy, tenendo conto degli obiettivi aziendali;
  • Monitorare e analizzare le campagne di Google Adwords e Facebook ADS ottimizzate in base agli obiettivi aziendali e al target di riferimento;
  • Gestire in maniera professionale i principali canali social come Facebook, Youtube, Twitter. Pianificare strategie di Social Media Marketing;
  • Definire strategie di comunicazione volte al raggiungimento di un determinato target, gestire nuove opportunità di comunicazione e interazione con il Cliente/Ospite anche per mezzo del Geocaching.

Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di Frequenza a tutti coloro che avranno partecipato ad almeno il 70% delle lezioni e abbiano superato le verifiche intermedie e finali.


CALENDARIO DELLE ATTIVITA’

Termine Iscrizioni 01-02-2021

Info e Prenotazioni : +39 0564 450662 – info@qmtt.net


LA FORMAZIONE NEL PSR

CHE COSA è

Le attività formative promosse dai PSR sono comprese nella Misura 1 dedicata al trasferimento di conoscenze e azioni di informazione, in particolare la prima sottomisura 1.1 prevede il sostegno ad azioni di formazione professionale e acquisizione di competenze. Le altre due sottomisure sono rivolte alle attività dimostrative e di informazione (1.2) e agli scambi

interaziendali di breve durata nel settore agricolo e forestale, nonché a visite di aziende agricole e forestali (1.3).

PERCHE’

La formazione del Capitale umano è essenziale per il miglioramento delle capacità dei soggetti, privati e pubblici, che operano nei settori agricolo, alimentare e forestale, dei gestori del territorio e delle PMI localizzate nelle aree rurali. Il potenziamento delle capacità e delle competenze è un fattore di successo non solo in ambito professionale ma consente anche una più efficace

attuazione delle diverse misure dei PSR.

COME

La Mis. 1.1 PSR sostiene e finanzia le attività volte al trasferimento di competenze attraverso l’avvio di sessioni specifiche (corsi di formazione e workshop) rivolte a raggiungere obiettivi formativi concreti per diversi gruppi di target, anche con mezzi non convenzionali


Info e Prenotazioni : +39 0564 450662 – info@qmtt.net







Ricerca Groblale Cia Grosseto

Scrivi a Cia Grosseto

Autorizzi Consenso PrivacySI – AutorizzoNO – Non Autorizzo

Servizio condizionato dal Tuo consenso al trattamento dei tuoi dati personali in base alla Policy Privacy GDPR di Cia Grosseto – Link—->>

In og ni caso non divulghiamo mai i Tuoi dati, la risposta è sempre riservata entro 48 ore.

PRIVACY GDPR


CIA GROSSETO 

Cia Grosseto NON divulga MAI i Tuoi Dati Personali

Informarti è un Tuo Diritto e un Tuo Dovere

SuperBonus 110% Webinar Gratuito 25-01-2021

 

https://www.gotomeet.me/formazionegrosseto/110

WEBINAR “SUPERBONUS 110%: ASPETTI TECNICI E FISCALI” il 25/01/2021 – ore 10.00-12.00

Programma WEBINAR GRATUITO

Le tematiche nell’incontro saranno le seguenti:

  • aspetti introduttivi sul Superbonus del 110%;
  • i soggetti ammessi alla nuova agevolazione;
  • gli interventi «trainanti» e quelli «trainati»;
  • i requisiti per accedere al superbonus del 110%;
  • l’ammontare della detrazione;
  • le altre spese ammesse al superbonus del 110% e la cumulabilità con altre agevolazioni;
  • la cessione del credito e lo sconto in fattura;
  • gli adempimenti necessari e i controlli e le sanzioni.
+ Informazioni

Relatori: Valeria Verga – Stefano Gosti

Webinar Gratuito : GoToMeting

per partecipare

https://www.gotomeet.me/formazionegrosseto/110

Se non usi il link, il Codice di accesso è : 262-741-925

+ Info : web@cia.grosseto.it

Agitu. Donne in Campo Cia, addio a un’amica, salveremo le sue “capre felici”

14 Gennaio 2021

Agitu. Donne in Campo Cia, addio a un’amica, salveremo le sue “capre felici”

L’omicidio dell’imprenditrice scuote le colleghe del Trentino e di tutt’Italia. Solidarietà per trovare casa al suo gregge

“Incredulità, tristezza e dolore di questo momento lasciano senza parole”. A parlare è Chiara March, presidente delle Donne in Campo-Cia Trentino scossa alla notizia dell’omicidio di Agitu Gudeta, l’imprenditrice agricola di origine etiope titolare dell’azienda associata “La Capra Felice” che aveva trovato nella regione alpina la sua seconda patria dopo essere fuggita dall’Etiopia, minacciata e inquisita per l’impegno contro il “land grabbing”.

Agitua era diventata un simbolo in Trentino anche per il progetto di recupero ambientale e produttivo che aveva sviluppato, a partire dalla capra mochena – che la Provincia di Trento aveva deciso di salvare alcuni anni fa – e recentemente aperto a Trento un punto vendita dei prodotti derivati dalle capre e dall’agricoltura biologica. 

Agitu si era laureata in Sociologia all’Università di Trento con una tesi sull’economia rurale dei Paesi in via di sviluppo. Era poi tornata in Etiopia per seguire un progetto di cooperazione con la tribù dei Boran, pastori nomadi che vivono con capre e cammelli. Nel 2010 era tornata a Trento come rifugiata e si era impegnata nel salvataggio della capra mochena in via di estinzione.

“L’Associazione Donne in Campo e la Cia del Trentino -ha aggiunto Chiara March- hanno subito attivato la storica e solida solidarietà contadina per trovare una nuova casa alle capre felici della cara amica Agitu e riscosso la disponibilità di alcuni agricoltori per nutrire il suo gregge”.“La violenza contro le donne -ha affermato Pina Terenzi presidente nazionale di Donne in Campo- non fermerà il nostro impegno nel lavoro, nell’impresa, nei progetti innovativi e rafforza anzi la nostra solidarietà a tutte le donne che si battono per un mondo dove la violenza non abbia più spazio.

Ci stringiamo per questo alla Comunità trentina per la grave perdita”.

Fonte: Cia nazionale





Lascia un commento Annulla risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *



Ultime News.

PER IMPRENDITORI : VISITA DI STUDIO ED APPROFONDIMENTO SULLE CARATTERISTICHE E L’UTILIZZO DEI BIO-FERTILIZZANTI IN AGRICOLTURA. VALLE D’AOSTA 8-10 NOVEMBRE 2021

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE – MERCATINI DI NATALE A GROSSETO 2021

Credito d’Imposta 4.0 : IMPORTANTE COMUNICAZIONE

Olio Extra Vergine di Oliva Toscano : La Qualità è una Identità

Ricerca Groblale Cia Grosseto

Scrivi a Cia Grosseto

Autorizzi Consenso PrivacySI – AutorizzoNO – Non Autorizzo

Servizio condizionato dal Tuo consenso al trattamento dei tuoi dati personali in base alla Policy Privacy GDPR di Cia Grosseto – Link—->>

In og ni caso non divulghiamo mai i Tuoi dati, la risposta è sempre riservata entro 48 ore.

PRIVACY GDPR


CIA GROSSETO 

Cia Grosseto NON divulga MAI i Tuoi Dati Personali

Informarti è un Tuo Diritto e un Tuo Dovere

PRIVACY GDPR


CIA GROSSETO 

Cia Grosseto NON divulga MAI i Tuoi Dati Personali

Informarti è un Tuo Diritto e un Tuo Dovere

Legge di Bilancio: Anp-Cia Grosseto, pensioni minime in stallo.


Legge di Bilancio: Anp-Cia Grosseto, pensioni minime in stallo. A lavoro su priorità


Una legge di Bilancio sicuramente difficile da comporre a causa della crisi per il Covid. Ha trovato risorse per il sistema sanitario e aperto un varco importante, con provvedimenti per l’agricoltura, al rilancio economico delle aree rurali del Paese. Resta ancora inevasa però, la richiesta di aumento delle pensioni minime ferme a 515 euro. Anp, l’Associazione nazionale pensionati di Cia-Agricoltori Italiani riparte da qui, dando voce alla grande delusione di tanti ex-agricoltori e facendo ordine sulle priorità per il 2021 pronte per nuovo confronto istituzionale.

In cima alla lista, dunque, l’assegno al minimo percepito da oltre un milione e mezzo di anziani, in prevalenza ex-agricoltori, ancora costretti a vivere con la pensione più bassa d’Italia. Per Anp-Cia, si tratta di una grave ingiustizia già ampiamente esposta dall’Associazione, in numerosi incontri in tutto il Paese, a parlamentari e istituzioni tutte, proprio con l’intento di una risoluzione definitiva. Una pratica, dunque, che resta aperta e dovrà trovare risposte nei prossimi provvedimenti del Governo in relazione all’annunciato aggiornamento delle norme sulle azioni di contrasto alla povertà: il “dopo quota 100”, la pensione contributiva di garanzia, la separazione tra previdenza e assistenza, il rilancio della previdenza complementare e la riduzione del carico fiscale sulle pensioni.

Dunque, nei prossimi incontri in commissioni e nei tavoli preposti a delineare un nuovo intervento di riordino del sistema previdenziale e pensionistico, Anp-Cia non mancherà di sollecitare di nuovo, la stabilizzazione della quattordicesima e la modifica del sistema di indicizzazione, ma anche l’estensione dell’Ape sociale agli agricoltori, una tassazione in linea con quanto previsto nei Paesi europei e l’istituzione della pensione base per i giovani agricoltori.

Sono, invece, significative di un cambiamento d’indirizzo, sottolinea Anp-Cia, le risorse destinate al sistema sanitario. In tema di risorse destinate al sistema sanitario, va ricordata la misura di sostegno alle funzioni dei caregiver familiari. E’ modesta nelle risorse dedicate, ma potenzia gli strumenti a sostegno delle famiglie nelle cure domiciliari per anziani e disabili. Vera sfida sarà anche per il 2021, l’urgente rafforzamento dei servizi sanitari territoriali per migliorare la qualità della vita nelle aree rurali e soprattutto a supporto delle persone anziane. Cruciale la necessità di una sanità più vicina ai cittadini, con strutture ambulatoriali o case della salute di prossimità, potenziare l’assistenza domiciliare, utilizzare diffusamente le nuove tecnologie come la telemedicina, valorizzare, infine, le reti sociali e del volontariato.

“Apprezziamo che la legge di Bilancio garantisca il potenziamento del Servizio Sanitario Nazionale, e dunque anche Toscano, e delle politiche socio-sanitarie–interviene Sabrina Rossi segretaria  ANP-Cia Grosseto – che hanno  dimostrato di dare risposte anche a chi è privo di copertura previdenziale. In questo difficile momento storico, ancora più di prima serve però avere particolare attenzione per i pensionati che sono coloro che sicuramente stanno pagando il prezzo più alto di questa crisi. Anche dal nostro territorio dunque parte la richiesta di adeguamento delle pensioni minime che spesso non sono sufficienti per garantire una sussistenza dignitosa soprattutto a chi vive nelle aree rurali che spesso sono state private anche di alcuni servizi essenziali. Un fatto questo per il quale proprio il nostro paese è stato richiamato dall’EU che ha più volte chiesto all’Italia l’adeguamento all’importo minimo previsto dalla Carta Sociale Europea. Come Anp-Cia Grosseto chiediamo inoltre che si  torni a dare dignità ai pensionati agricoli che nella vita hanno svolto un lavoro usurante senza che le istituzioni lo abbiano mai riconosciuto”

Strategici saranno anche i provvedimenti previsti per il settore agricolo, utili a favorire il rilancio economico delle aree rurali. Portano risorse sulla manutenzione e la messa in sicurezza del territorio, condizione indispensabile per garantire la presenza delle persone nelle aree interne, come lo è anche il potenziamento del sistema dei servizi civili, di infrastrutture, trasporti, scuole e banda larga.

“Facciamo appello alla responsabilità e all’impegno di politica e istituzioni -interviene il presidente nazionale di Anp-Cia, Alessandro Del Carlo. In questa fase delicatissima dovuta alla pandemia, le risorse del Recovery Fund, siano occasione non solo per sostenere la ripresa economica e occupazionale ma, anche per avviare un cambiamento del sistema di sviluppo, per superare le diseguaglianze sociali e territoriali e accompagnare il Paese verso una nuova coscienza pubblica e collettiva. Confermiamo il nostro fattivo contributo -conclude Del Carlo- e la disponibilità al dialogo costruttivo guardando anche alle raccomandazioni della Commissione Ue per accedere ai fondi del Next Generation Eu”.




Credito d’imposta 4.0. Le novità dalla legge di bilancio 2021 e Webinar su credito d’imposta 4.0

8 Gennaio 2021

Credito d’imposta 4.0. Le novità dalla legge di bilancio 2021 e Webinar su credito d’imposta 4.0

L’omicidio dell’imprenditrice scuote le colleghe del Trentino e di tutt’Italia. Solidarietà per trovare casa al suo gregge

“Incredulità, tristezza e dolore di questo momento lasciano senza parole”. A parlare è Chiara March, presidente delle Donne in Campo-Cia Trentino scossa alla notizia dell’omicidio di Agitu Gudeta, l’imprenditrice agricola di origine etiope titolare dell’azienda associata “La Capra Felice” che aveva trovato nella regione alpina la sua seconda patria dopo essere fuggita dall’Etiopia, minacciata e inquisita per l’impegno contro il “land grabbing”.

Agitua era diventata un simbolo in Trentino anche per il progetto di recupero ambientale e produttivo che aveva sviluppato, a partire dalla capra mochena – che la Provincia di Trento aveva deciso di salvare alcuni anni fa – e recentemente aperto a Trento un punto vendita dei prodotti derivati dalle capre e dall’agricoltura biologica. 

Agitu si era laureata in Sociologia all’Università di Trento con una tesi sull’economia rurale dei Paesi in via di sviluppo. Era poi tornata in Etiopia per seguire un progetto di cooperazione con la tribù dei Boran, pastori nomadi che vivono con capre e cammelli. Nel 2010 era tornata a Trento come rifugiata e si era impegnata nel salvataggio della capra mochena in via di estinzione.

“L’Associazione Donne in Campo e la Cia del Trentino -ha aggiunto Chiara March- hanno subito attivato la storica e solida solidarietà contadina per trovare una nuova casa alle capre felici della cara amica Agitu e riscosso la disponibilità di alcuni agricoltori per nutrire il suo gregge”.“La violenza contro le donne -ha affermato Pina Terenzi presidente nazionale di Donne in Campo- non fermerà il nostro impegno nel lavoro, nell’impresa, nei progetti innovativi e rafforza anzi la nostra solidarietà a tutte le donne che si battono per un mondo dove la violenza non abbia più spazio.

Ci stringiamo per questo alla Comunità trentina per la grave perdita”.

Fonte: Cia nazionale






Ultime News.

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE – MERCATINI DI NATALE A GROSSETO 2021

Credito d’Imposta 4.0 : IMPORTANTE COMUNICAZIONE

Olio Extra Vergine di Oliva Toscano : La Qualità è una Identità

E-COMMERCE Nuove Regole Iva dal 1° luglio 2021

Ricerca Groblale Cia Grosseto

Scrivi a Cia Grosseto

Autorizzi Consenso PrivacySI – AutorizzoNO – Non Autorizzo

Servizio condizionato dal Tuo consenso al trattamento dei tuoi dati personali in base alla Policy Privacy GDPR di Cia Grosseto – Link—->>

In og ni caso non divulghiamo mai i Tuoi dati, la risposta è sempre riservata entro 48 ore.

PRIVACY GDPR


CIA GROSSETO 

Cia Grosseto NON divulga MAI i Tuoi Dati Personali

Informarti è un Tuo Diritto e un Tuo Dovere

PRIVACY GDPR


CIA GROSSETO 

Cia Grosseto NON divulga MAI i Tuoi Dati Personali

Informarti è un Tuo Diritto e un Tuo Dovere

CIPA-AT Grosseto è certificata ISO 21001


Oggi 15 Dicembre 2020, CIPA-AT Grosseto è certificata ISO 21001

ISO 21001 specifica i requisiti per un Sistema di Gestione delle Organizzazioni Educative (EOMS)


Tutti i requisiti della ISO 21001 si intendono applicabili a tutte le organizzazioni educative che forniscono, condividono e facilitano la costruzione di conoscenze per gli studenti attraverso l’insegnamento, la formazione o la ricerca, indipendentemente dal tipo, dimensione e prodotto e servizio fornito.
Lo standard si applica pertanto al sistema di gestione che utilizza un curriculum per fornire, condividere e trasferire le conoscenze.
ISO 21001 è uno strumento di gestione comune per le organizzazioni che forniscono prodotti e servizi educativi in grado di soddisfare le esigenze degli studenti e di altri clienti.


La norma ISO 21001 è stata pubblicata il 30 aprile 2018.
Si tratta di uno standard di sistema di gestione stand-alone, basato su ISO 9001 (senza essere un’applicazione di settore), e allineato con altri standard del sistema di gestione ISO attraverso l’applicazione della struttura ad alto livello.
La norma va a sostituire la UNI ISO 29990:2010, ritirata il 19/12/2018, ma che manterrà la sua validità fino al 18/12/2020.
Con questo Standard si intende fornire uno strumento di gestione comune per le organizzazioni che forniscono prodotti e servizi educativi in grado di soddisfare le esigenze degli studenti e di altri clienti.



 

CIA GROSSETO, SUPERBONUS 110% IN SINTESI


Superbonus 110%, in sintesi


Il Superbonus 110%, un’opportunità imperdibile per imprese e cittadini.

CIA Grosseto illustra sinteticamente le novità introdotte da Governo e Agenzia delle Entrate con il cosiddetto “Decreto Rilancio – Legge 77/2020” in materia di agevolazioni fiscali che sostengono la realizzazione di interventi per il miglioramento energetico o sismico degli edifici esistenti.

Le novità riguardano l’introduzione del nuovo beneficio fiscale, denominato “Superbonus 110%”, che si applica agli edifici ad uso abitativo e che si aggiunge agli altri bonus già vigenti che, in funzione del Decreto Rilancio, possono oggi essere oggetto di sconto in fattura o cessione della detrazione in alternativa alla fruizione diretta degli stessi da parte del beneficiario che sostiene le spese per gli interventi agevolati.