Daily Archives: 28 October 2019

Apicoltura, contributi 2019 per razionalizzare la transumanza


SCADENZA DOMANDE 18 dicembre 2019


Con la Delibera della Giunta Regionale n. 913 del 15 luglio 2019 in attuazione del Reg. (UE) n. 1308/2013 e con DD n. 17300 del 22/10/2019 sono state previste azioni in apicoltura riferite al programma triennale 2020-2022.

Per l’annualità 2019/2020, le risorse assegnate alla Regione Toscana (euro 464.278,39), sono ripartite per Azione, nel modo seguente:

Misura A: Assistenza tecnica agli apicoltori e alle organizzazioni di apicoltori 235.112,03
Misura B: Lotta contro gli aggressori e le malattie dell’alveare, in particolare la varroasi 15.000,00
Misura C: Razionalizzazione della transumanza 214.166,36

domanda iniziale di accesso al contributo: entro e non oltre le ore 24 del 18 dicembre 2019

domanda di pagamento del contributo:  entro e non oltre le ore 24 del 10 aprile 2020


Le percentuali di contributo ammissibile/erogabile per tipologia d’intervento sono le seguenti:

azione voce di spesa % contributo
c.2 c2.1    Acquisto di arnie, portasciami, telaini, fogli, melario senza telaini e trappola raccogli polline; 60
c2.2    Acquisto macchine, attrezzature e materiali vari specifici per     l’esercizio del nomadismo; 50
c2.3    Acquisto autocarri per l’esercizio del nomadismo; 20

Le voci relative agli interventi ammissibili e relativi costi, sono dettagliatamente indicate al paragrafo 3.2  “Voci  di  spesa  ammissibili  e  relativi  costi  massimali  unitari  ammissibili  per  tipologia d’intervento” dell’allegato A al DD 17300 del 22/10/2019.

Possono presentare la richiesta di contributo gli apicoltori, detentori di partita IVA che praticano il nomadismo e  ne  abbiano  dato  comunicazione  all’Azienda  USL, finalizzata all’acquisto di arnie, attrezzature e materiali per l’esercizio del nomadismo.

Possono  presentare  domanda  anche  coloro  che  non  detengono  alveari  (nuovo  apicoltore  e  già  in attività con denuncia a zero), comunque possessori di partita Iva, con obbligo di svolgere l’attività apistica almeno per cinque anni.

La presentazione avviene tramite la Dichiarazione Unica Aziendale (DUA) presentata sul S.I. ARTEA.

Gli Apicoltori siano in regola con la normativa vigente riguardante l’inizio attività e con la comunicazione alle Aziende USL relativa al censimento del patrimonio apistico regionale degli alveari posseduti dove l’apicoltore ha la propria residenza o dove ha sede legale l’impresa.

Le attrezzature acquistate dovranno essere presenti nel luogo indicato in domanda fino al momento dell’accertamento finale da parte dell’Ente.

Limite del finanziamento:

Il Contributo massimo erogabile per beneficiario non può essere superiore ad euro 12.000,00.

Non sono ammesse domande per un importo del contributo concedibile inferiore ad euro 3.000,00 da confermarsi anche in fase di accertamento finale, pena decadenza della domanda.

Penali:

A seguito delle comunicazioni di rinuncia successiva all’atto di assegnazione o della mancata presentazione della domanda di pagamento, il titolare della domanda è escluso dai benefici dell’azione C per l’ anno successivo a valere dalla presente programmazione e unicamente con riferimento alle procedure di attuazione ad essa relative.


PERIODO PER GLI ACQUISTI:

Gli aventi diritto possono effettuare gli acquisti dalla data di presentazione delle domande di aiuto pena la non ammissibilità delle spese.

I pagamenti devono essere tracciabili (bonifico) e devono essere effettuati dal richiedente beneficiario.
Ai fini della formazione della graduatoria unica regionale sono attribuiti i punteggi come riportati nell’allegato A della graduatoria di cui al parag. 5.1 Criteri di selezione/valutazione.

I requisiti che danno diritto ai punteggi devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda iniziale.

Non sono cumulabili i punteggi di richiedente IAP/coltivatore diretto con richiedente iscritto alla CCIAA; in presenza di entrambi i requisiti, si considera quello col punteggio più alto. A parità di punteggio è prioritaria la domanda che richiede il contributo più basso.


Share This:

Continua a leggere..