Daily Archives: 17 September 2019

Da Ue nuove norme su trasparenza da campo a tavola


Saranno adottate dall’Esecutivo nelle prossime settimane. In vigore dal 2021


Aumentare la trasparenza del mercato per un accesso più equo alle informazioni maggiore equilibrio alla filiera. E’ quanto previsto dalle nuove disposizioni annunciate dalla Commissione Ue secondo cui gli Stati membri dovranno notificare all’Ue informazioni sui prezzi intermedi tra agricoltori e consumatori, quelle cioè relative alle fasi della trasformazione alimentare e della vendita al dettaglio. A fronte di una grande abbondanza di dati sui mercati agricoli e sui prezzi al consumo, esistono infatti, poche informazioni sui passaggi intermedi dal campo alla tavola.


La comunicazione -come riporta Ansa AgriUE- arriva dopo la discussione con i Paesi membri nel comitato per l’organizzazione comune dei mercati. Il nuovo sistema informativo riguarderà carne, prodotti lattiero-caseari, vino, cereali, semi oleosi, colture proteiche, ortaggi e frutta, olio d’oliva e zucchero.

Le nuove disposizioni saranno adottate dall’Esecutivo Ue nelle prossime settimane ed entreranno in vigore dal 1 gennaio 2021. 


 

Share This:

Continua a leggere..

Nuove norme per la lavorazione la trasformazione e il confezionamento di prodotti agricoli di ESCLUSIVA PROVENIENZA AZIENDALE

 


E’ entrato in vigore del Regolamento di attuazione della Legge Regionale n. 12 del 21 Marzo 2018 il DPGR n. 46/R del 24 Luglio 2019.
Queste norme prevedono disposizioni per la lavorazione la trasformazione e il confezionamento di prodotti agricoli di ESCLUSIVA PROVENIENZA AZIENDALE


Le nuove norme:

1. Ribadiscono i principi stabiliti dal pacchetto igiene (reg. CE 852/2004, Reg. CE 853/2004, Reg. CE 854/2004, Reg. CE 882/2004) ed in particolare che l’OSA (Operatore del settore alimentare ossia l’imprenditore) è responsabile della salubrità e idoneità al consumo umano di cio’ che commercializza (di cio’ che produce per la vendita e somministrazione a terzi)

2. Prevedono che per la lavorazione, la trasformazione, il confezionamento di materie prime aziendali possano essere utilizzati i seguenti locali: locali polifunzionali, locali dell’abitazione dell’imprenditore, locali aziendali. Per tali locali queste norme prevedono i requisiti igienico – sanitari

3. Prevedono i requisiti igienico sanitari per i locali di stoccaggio di materie prime, semilavorati, prodotti finiti  

4. Prevedono requisiti igienico sanitari per i lavoratori: servizi igienici (anche quello dell’abitazione), spogliatoio o area spogliatoio, lavandino con acqua calda e fredda per il lavaggio delle mani

5. Presentazione presso il SUAP della sede legale dell’azienda della SCIA di avvio dell’attività

6. Presentazione presso il SUAP della sede legale dell’azienda della Comunicazione di vendita di prodotti agricoli

7. Piano di autocontrollo secondo il metodo HACCP (analisi dei rischi di tutte le fasi di un ciclo produttivo e la previsione di azioni preventive per evitare il verificarsi di un pericolo per l’alimento) 

8. Soggetti a cui si possono applicare tali norme: imprenditore agricolo ai sensi dell’art. 2135 del Codice Civile; coltivatore diretto ai sensi dell’art. 2083 del codice civile; cooperative agricole che utilizzano esclusivamente il lavoro dei propri soci lavoratori.

9. Queste disposizioni prevedono che la vendita possa essere fatta nel mercato locale (inteso come territorio della provincia e delle province confinanti) ed a consumatore finale.


L’ufficio tecnico si occupa di compilare e inviare al SUAP le varie pratiche di avvio, variazione, cessazione ecc. e redigere i piani di autocontrollo per qualunque tipo di alimento prodotto es.uova aziendali, miele, carne, vino ecc.

+ INFO :  Alessandra Faralli tel. 0564 464865  – e.mail: ufficiotecnico@cia.grosseto.it 


Share This:

Continua a leggere..